10 cose da NON FARE sulla pagina Facebook della tua azienda!

10 comandamenti per far trascorrere alla tua pagina aziendale un’esistenza serena, felice e ammirevole.

Sono le nostre tavole della verità per un mondo Facebook senza più orrori, errori ed epic fail.

 

Ecco cosa non fare sulla tua pagina Facebook.

1.Contenuti fuori tema.

Le tue passioni sono il calcio, la montagna e la tecnologia. Per questo ti piace condividere i risultati della tua squadra, l’articolo sull’ultimo i-phone uscito o le foto del trekking della domenica. Ma anche quel video emozionante, l’aforisma filosofico o la battuta divertente.

È una cosa lecita e corretta, ma NON sulla tua pagina aziendale!

La tua fan page è dedicata al tuo business. Il tuo profilo alla tua vita personale.

Tieni sempre distinte le due cose. Evita di pubblicare sulla tua pagina contenuti non attinenti alla tua attività

 

2. Opinioni personali su temi sensibili.

Legandoci al punto 1, su una pagina aziendale è consigliabile non esprimere opinioni troppo personali su temi sensibili come politica, religione, fatti di cronaca.

Stai parlando a nome della tua azienda. I tuoi dipendenti potrebbero avere un’opinione discordante, così come i tuoi clienti.

Non complicarti la vita in accese e inutili bagarre su temi troppo grandi e complicati per poter essere discussi dietro la tastiera di un PC.

 

3. Critiche alla concorrenza.

Anche se il tuo prodotto è migliore, anche se hai scoperto che la qualità scadente dei servizi del tuo competitor, anche se il negozio di fronte dice di avere il pane più buono del tuo: NON denigrare i tuoi concorrenti su Facebook!

È una mossa di basso livello e controproducente. Piuttosto esalta le caratteristiche dei tuoi prodotti e mantieni un servizio impeccabile. Meglio i fatti delle parole!

 

4. Hashtag come se piovessero.

Un post deve avere un testo semplice, immediato, d’impatto. Aggiungere un hashtag davanti ad ogni parola, non solo rende il messaggio incomprensibile, ma è del tutto inutile.

Scegli 1-2 hashtag per caratterizzare i tuoi post, oppure scovane qualcuno significativo che riprenda i temi trattati sulla pagina e rimanga fisso, creando quasi delle rubriche.

Per esempio, se gestisci un ristorante e hai un blog di ricette e approfondimenti sulle materie prime, puoi riprendere i vari articoli attraverso i post su Facebook, caratterizzandoli con hashtag del tipo #UnaRicettaAlGiorno oppure #DallaTerraAllaTavola.

 

5. Immagini brutte.

Foto sfocate, mosse, buie, storte: se ne vedono di tutti i tipi sul Social Network. Cerca di postare immagini di qualità e significative.

Non è necessario essere dei fotografi protagonisti, basta un semplice smartphone. È sufficiente avere qualche accortezza: fai più scatti per poter scegliere quello migliore, controlla la luminosità, dai un’occhiata allo sfondo (es. no a pavimenti sporchi, cestini della spazzatura, etc.), preferisci foto orizzontali.

Ricorda, inoltre, che le persone riprese nelle tue immagini dovrebbero aver firmato una liberatoria con il consenso ad apparire tra le tue foto online.

 

6. Errori grammaticali.

Accenti, verbi, congiuntivi, punteggiatura: i refusi grammaticali, oltre ad essere ripugnanti per gli amanti della lingua italiana, possono diventare motivo di scherno da parte del tuo pubblico. Evita anche le abbreviazioni.

Anziché cliccare subito su Pubblica, programma il post anche a pochi minuti di distanza. Ti permetterà di vederlo in anteprima proprio come apparirà online e di effettuare ancora qualche modifica.

Consiglio: rileggi, rileggi, rileggi.

 

7. Cambiare foto profilo.

La foto profilo identifica la tua azienda e deve essere fissa e riconoscibile. Per questo evita di cambiarla continuamente. Mantieni sempre la stessa: il tuo logo è la scelta più corretta.

Discorso diverso vale per la foto copertina che puoi variare frequentemente, optando sempre per immagini inerenti alla tua attività.

 

8. Aggredire gli autori di commenti negativi.

Non rispondere in modo accusatorio, frettoloso e arrogante alle critiche ricevute sulla tua pagina. Preferisci sempre toni pacati, seri e professionali. Dai un’occhiata al nostro articolo Commenti negativi su Facebook: come gestirli?

 

9. Cliccare su Metti in Evidenza.

Facebook non è una Onlus e punta ovviamente ad aumentare il proprio business. È per questo motivo che vedi sulla pagina un’infinità di tasti “Metti in evidenza” per promuovere la fan page, un post, o il tuo sito. Presta attenzione: accettando questi inviti spesso colpirai un pubblico poco selezionato e spenderai un budget maggiore rispetto alla creazione di una campagna sponsorizzata ad hoc, studiata ed efficace.

 

10. Dimenticare la pagina.

Succede anche questo. Si apre la pagina Facebook, si pubblicano molti contenuti la prima settimana e poi ci si dimentica della fan page aziendale.

Avere una pagina non aggiornata e non seguita non serve a nulla.

Ti giocherai la prima impressione sui tuoi potenziali clienti e l’autorevolezza online. Ricorda che l’87% dei manager mette sullo stesso piano i media tradizionali e i social media come strumenti per reperire referenze e informazioni prima di procedere con un acquisto (leggi il nostro articolo al riguardo).

 

Ora che conosci cosa non fare sulla tua pagina Facebook, puoi contribuire anche tu a rendere il Social un posto migliore 😉

 

Hai bisogno di aiuto con la tua pagina Facebook?

Scopri i nostri Servizi!

 

Comments

comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *