Google AdWords: i motivi per evitare la gestione fai-da-te

Google Adwords: errori della gestione fai-da-te

Google AdWords: i motivi per evitare la gestione fai-da-te

Spesso i clienti di Agenzie web e Professionisti che si occupano della gestione delle campagne Google, non comprendono a pieno la logica retrostante le campagne pubblicitarie online.

La Certificazione

Certificazione Google Adwords

Google permette a chiunque di creare un account e iniziare ad investire denaro in pubblicità, ma se fosse così immediato, perchè prevedere una Certificazione, con tanto di esami e ufficializzazione della stessa?

Tutte le Agenzie certificate ed i singoli Professionisti certificati, vengono inseriti all’interno dell’elenco ufficiale di Google, consultabile da chiunque (molto utile, anche per avere la certezza delle competenze dei professionisti a cui state affidando le vostre campagne).

La facilità apparente con cui il portale viene spiegato da Tutorial stessi di Google o dalle sue pagine introduttive, può far credere che chiunque possa, nel giro di breve tempo, gestire una campagna pubblicitaria online efficace.

Gli algoritmi di Google

Il Sistema di Google Adwords funziona tramite una serie di algoritmi che elaborano continuamente dati.

Questo non significa che le scelte di un singolo inserzionista siano le stesse di un altro.

E’ il singolo professionista che deve infatti definire tramite logiche ben precise i seguenti elementi:

  • che tipo di annuncio è opportuno utilizzare?(video, testo, annuncio illustrato)
  • quali sono le parole chiave più efficaci? (solo esperti SEO conoscono gli strumenti per sceglierle)
  • dove è meglio posizionare gli annunci?(motori di ricerca, siti rete Display Google)
  • quale budget è opportuno investire?

La strategia

Google AdWords Strategia

Iniziare una campagna su AdWords è solo il secondo passo.

Il primo è quello della Pianificazione strategica.

Spesso il cliente conosce bene i propri obiettivi (aumentare le vendite, spingere su un prodotto specifico, smaltire rimanenze di magazzino con canali di vendita alternativi) ma non è in grado di pianificare le mosse giuste.

Sa farlo offline, tramite i canali di vendita tradizionali, e si convince che online i meccanismi siano i medesimi.

Risultato: l’investimento è totalmente inefficace.

Gli errori più comuni

Parlando della gestione stessa, un’attività commerciale, un negozio o un’impresa, fa talvolta gestire la campagna ad un dipendente che già lavora all’interno della realtà aziendale.

La persona in questione non avrà chiaramente il tempo di ottimizzare al meglio la campagna AdWords, in quanto dovrà farlo contemporaneamente alle sue mansioni abituali.

Per questo motivo gli errori commessi più comuni sono i seguenti:

  • Creazione di annunci poco efficaci
  • Configurazione della campagna in modo poco mirato (ci sono centinaia di criteri con cui impostare una campagna AdWords)
  • Impostazione budget inadeguato (investire di più non significa automaticamente ottenere risultati migliori. La bravura di un professionista certificato risiede nell’ottenere il massimo risultato con un budget non necessariamente stratosferico)
  • Inserimento di parole chiave “sbagliate”
  • Non seguire la campagna: non è sufficiente impostare la campagna Adwords e poi dimenticarsene fino alla scadenza, o controllarla sporadicamente. Fa parte del lavoro di un professionista controllarne continuamente l’andamento, non solo per verificare i risultati in tempo reale, ma anche per modificare le impostazioni a seconda del riscontro che la campagna stessa ottiene.
  • Le campagne non sono tutte uguali: fare una campagna per un prodotto specifico o una serie di prodotti non significa essere in grado di predisporne un’altra altrettanto efficace, cambiandone solamente il contenuto.

Il nostro consiglio è quindi quello di ponderare bene le proprie scelte in ambito di web marketing.

Internet è una risorsa preziosa ma, come avviene offline, occorre avere le giuste competenze per ottenere dei risultati e per migliorarli continuamente. Il web è utilizzato da tutti, ma non tutti sono in grado lavorare effcacemente “dietro le quinte”!!!

Commenti

commenti

Nessun commento

Scrivi un commento